Università: torna "La notte dei ricercatori"

Migliaia di appuntamenti on line. Manfredi, formato inedito

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 27 NOV - La Notte europea dei ricercatori non si ferma: affronta la sfida posta dalla pandemia e trasferisce online i propri appuntamenti. La nuova edizione dell'evento, promosso a partire dal 2005 dalla Commissione Europea, si svolgerà stasera venerdì 27 novembre, quando migliaia di ricercatori italiani e internazionali incontreranno virtualmente centinaia di migliaia di persone di ogni età. Una modalità inedita di raggiungere i cittadini, ma sempre con lo scopo di far conoscere il ruolo e il valore della ricerca nella società e per il futuro, evidenziando il suo impatto sulla nostra vita quotidiana e invogliando i giovani ad affrontare carriere scientifiche. La possibilità di incontrare i ricercatori e trovare interlocutori affidabili può rappresentare per tutti un'opportunità preziosa per orientarsi in questa fase di grande incertezza collettiva.
    "La pandemia ci costringe a un formato nuovo, inedito, virtuale - sottolinea il ministro Gaetano Manfredi - ma questo evento continua a rappresentare una preziosa occasione informale per diffondere la cultura scientifica. Resta intatta la voglia dei ricercatori di raccontare e raccontarsi, di far comprendere il valore della ricerca come bene comune e come elemento essenziale per affrontare le sfide globali del futuro: energia pulita, nuove tecnologie, digitale, medicina, agricoltura. In questo senso, i sette progetti finanziati dalla Commissione Europea e sostenuti dal ministero dell'Università e della Ricerca rappresentano il nostro orgoglio. La Notte dei ricercatori resiste oltre la pandemia e non si ferma. Proprio come la ricerca".
    Negli anni, l'iniziativa si è affermata come un'occasione unica per approfondire i temi più attuali della ricerca e ha assunto una popolarità crescente tra il grande pubblico: nel 2019 i visitatori che hanno partecipato alle iniziative della notte sono stati oltre 1,6 milioni, in 400 città in tutta Europa.
    Il cartellone dell'edizione 2020 propone migliaia di incontri: laboratori virtuali, spettacoli online, giochi, attività divulgative interattive, conferenze, eventi di approfondimento culturale e di intrattenimento.
    Sette i progetti italiani finanziati dalla Commissione Europea e sostenuti dal ministero dell'Università e della Ricerca che coinvolgeranno 84 città: BRIGHT-NIGHT (coordinato dall'Università degli studi di Firenze), ERN APULIA (coordinato dall'Università del Salento), MEETmeTONIGHT (coordinato dall'università Milano-Bicocca), Science Together NET (coordinato dal CNR), SHARPER (coordinato da Psiquadro - impresa sociale di comunicazione della scienza), SOCIETY NEXT (coordinato dal Consorzio interuniversitario CINECA) e SUPERSCIENCEME (coordinato dall'Università della Calabria).
    La RAI, attraverso i canali tematici Rai Cultura e Rai Scuola, dedica uno speciale web alla Notte dei Ricercatori Italia fatto di notizie, eventi e attività dei sette progetti, link alle piattaforme per la fruizione delle manifestazioni, immagini e video.
    Un approfondimento di tutte le attività presentate dai sette progetti italiani è consultabile sul sito www.nottedeiricercatori.it (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA