Mostre del week end, da Rubens e Previati a Pepper

A Bard il World Press Photo, a Roma gli scatti di Sestini

di Marzia Apice NAPOLI

NAPOLI - La grande pittura, quella di Rubens, Van Dyck e Ribera a Napoli, e quella del divisionismo italiano, da Previati a Boccioni, a Verona; la scultura monumentale di Beverly Pepper a Todi; e poi il grande focus sulla fotografia, a Bard con il World Press Photo, a Torino con uno storico omaggio alla Olivetti e a Roma con gli scatti di Massimo Sestini: sono alcune delle principali mostre del week end del 7 dicembre.
    NAPOLI - Il ritorno a casa di 36 capolavori, in prestito da collezioni private e musei di tutto il mondo, per la prima volta insieme nello stesso Palazzo, nelle stesse stanze dove a lungo in passato furono custoditi: "Rubens, Van Dyck, Ribera. La collezione di un principe" è il titolo della grande mostra in programma presso Gallerie d'Italia - Palazzo Zevallos Stigliano dal 6 dicembre al 7 aprile. La mostra presenta, dopo una lunga attività di ricerca, la prestigiosa collezione appartenuta prima di essere dispersa alla famiglia Vandeneynden che abitò nella dimora di via Toledo dagli ultimi decenni del '600.
    BARD (Aosta) - La cronaca che diventa storia è la protagonista di "World Press Photo" dal 7 dicembre al 6 gennaio al Forte di Bard. La mostra, dedicata alla 61/a edizione del prestigioso concorso internazionale di fotogiornalismo, permette al pubblico di guardare il mondo attraverso gli occhi dei più grandi fotoreporter di oggi. Tra le foto esposte anche "Crisi del Venezuela", che ha vinto il concorso, scattata dal venezuelano Ronaldo Schemidt, fotografo della Agence France-Presse.
    VERONA - "L'amore materno alle origini della pittura moderna, da Previati a Boccioni" è la mostra proposta dai Musei Civici di Verona negli spazi della Galleria d'Arte Moderna Achille Forti, dal 7 dicembre al 10 marzo. L'esposizione, che ha il suo fulcro nella Maternità di Gaetano Previati, accende i riflettori sugli esordi del Divisionismo italiano attraverso circa 15 opere di diversi autori (da Segantini a Morbelli a Boccioni) in cui si evidenziano gli esiti eterogenei della ricerca artistica tra '800 e '900.
    TORINO - A cinquant'anni anni dalla prima esposizione, torna "1969. Olivetti formes et recherche, una mostra internazionale", dal 6 dicembre al 24 febbraio a Camera Centro Italiano per la Fotografia. Esposta una selezione di fotografie dell'omonima mostra, curata da Gae Aulenti, che la Società Olivetti organizzò nel novembre del 1969 a Parigi, poi allestita a Barcellona, Madrid, Edimburgo e Londra, per concludersi infine a Tokyo nell'ottobre 1971. Il percorso è un racconto per immagini che si snoda lungo 70 scatti firmati da fotografi d'eccezione.
    TODI - Apre l'8 dicembre "Beverly Pepper tra Todi e il mondo", la monografica allestita fino al 5 maggio nella Sala delle Pietre al primo piano del Palazzo del Popolo. La mostra illustra il rapporto pluridecennale fra la celebre scultrice e la città umbra e presenta fotografie inedite provenienti dall'archivio dell'artista, il plastico del Parco a suo nome (con 20 sculture donate alla città) che Todi le dedicherà a settembre e alcuni lavori, come due San Martino Altars (1993), iconiche sculture di ghisa che verranno installate di fronte alla Chiesa di San Fortunato, in arrivo dagli Stati Uniti.
    ROMA - L'Italia ripresa dall'alto, tra bellezza, fragilità e complessità: è il grande affresco del nostro Paese proposto dal fotografo Massimo Sestini nella mostra "L'aria del tempo", negli spazi del Wegil dall'8 dicembre al 10 marzo. Il percorso presenta 40 scatti di grande e medio formato dedicati a cronaca, consuetudini, catastrofi naturali, fatti storici e culturali, nei quali il fotoreporter, con la visione zenitale, capovolge le percezioni visive del pubblico. Il Complesso del Vittoriano ospita dal 6 al 16 dicembre "Apoteosi del tatuaggio", mostra dedicata a Marco Manzo, tatuatore, visual artist, scultore, incisore e designer di fama internazionale. Il percorso racconta l'intera carriera dell'artista attraverso tatuaggi, sculture tatuate in bronzo, alluminio, ceramica, marmo, arte digitale e video arte, lastre e fotografie, installazioni interattive e performance durante le quali il pubblico potrà interagire con le opere d'arte.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: