Notai, +20% dono aziende prima metà anno

Donazioni di denaro e quote concentrate nel Nord Italia

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Impennata delle donazioni di aziende, nel nostro Paese: il dossier diffuso dal Consiglio nazionale del Notariato, infatti, certifica come nell'arco di un anno (dal primo semestre del 2018 a quello dell'anno in corso) siano salite del 20,36%. In leggero incremento, poi, "le cessioni di azioni e quote (+3,62%), mentre diminuiscono, seppur di poco, le donazioni di denaro (-1,52%)"; sono decisamente in calo, le donazioni di nuda proprietà di quote e azioni (-29,09%), rispetto ai primi sei mesi dell'anno scorso. Tra le donazioni di beni mobili, si evidenzia nei Dati statistici notarili, "rimangono maggiormente diffuse quelle relative al denaro, alle azioni e/o quote e alle aziende, concentrate prevalentemente al Nord con la Lombardia, che rimane la regione in testa per numero di donazioni mobiliari (circa il 26% del totale), sebbene in calo di oltre 2 punti, al confronto col primo semestre del 2018, e con un incremento del numero di atti per il Sud e nelle Isole, il che - si precisa nello studio - costituisce una novità, rispetto alle rilevazioni precedenti".
    Stabile, infine, è il quadro anagrafico sia dei donanti, sia dei donatari: la maggior parte dei secondi è compresa tra 18 e i 55 anni, così come resta molto diffusa la cessione a favore degli ultracinquantacinquenni dell'usufrutto, mentre la maggior parte dei donanti ha dai 55 anni in su. (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video Economia



    Vai al sito: Who's Who